Art. 625 Circostanze aggravanti.

La pena è della reclusione da uno a sei anni e della multa da lire duecentomila a due milioni [649]:

1) se il colpevole, per commettere il fatto, si introduce o si trattiene in un edificio o in un altro luogo destinato ad abitazione [614; 380 commi 2 lett. e) e 3 C.P.P.];

2) se il colpevole usa violenza sulle cose [392 comma 2; 380 commi 2 lett. e) e 3 C.P.P.] o si vale di un qualsiasi mezzo fraudolento;

3) se il colpevole porta in dosso armi [585 commi 2 e 3] o narcotici, senza farne uso;

4) se il fatto è commesso con destrezza, ovvero strappando la cosa di mano o di dosso alla persona [628; 380 commi 2 lett. e) e 3 C.P.P.];

5) se il fatto è commesso da tre o più persone [112 comma 1 n. 1], ovvero anche da una sola, che sia travisata o simuli la qualità di pubblico ufficiale [357] o d'incaricato di un pubblico servizio [358];

6) se il fatto è commesso sul bagaglio dei viaggiatori in ogni specie di veicoli, nelle stazioni, negli scali o banchine, negli alberghi o in altri esercizi ove si somministrano cibi o bevande [1148 c. nav.];

7) se il fatto è commesso su cose esistenti in uffici o stabilimenti pubblici, o sottoposte a sequestro [1798, 2905, 2793 c.c.; 670-673 C.P.C.; 189-190], [253-265, 316-320, 321-323, 354 comma 2 C.P.P.; 682 C. Nav.] o a pignoramento [491 C.P.P.], o esposte per necessità o per consuetudine o per destinazione alla pubblica fede, o destinate a pubblico servizio o a pubblica utilità, difesa o reverenza [635 n. 3];

8) se il fatto è commesso su tre o più capi di bestiame raccolti in gregge o in mandria, ovvero su animali bovini o equini, anche non raccolti in mandria [638 comma 2].

Se concorrono due o più delle circostanze prevedute dai numeri precedenti, ovvero se una di tali circostanze concorre con altra fra quelle indicate nell'articolo 61, la pena è della reclusione da tre a dieci anni e della multa da lire quattrocentomila a tre milioni.